IFTTT: cos’è e a cosa serve?

IFTTT: cos’è e a cosa serve?

Siamo oggi immersi da sigle e acronimi che riempiono la nostra giornata, sempre più strettamente connessa alla tecnologia. IFTTT, ad esempio, è un termine ultimamente molto utilizzato. Ma cosa significa?

 

È l’acronimo delle parole inglesi If This Then That (“se accade questo allora fai accadere quello”), con cui si indica un servizio di intercomunicazione tra dispositivi, che tramite il dialogo tra app permette di automatizzare una serie di attività. A cosa può essere utile? A renderci la vita più semplice! A volte, ad esempio, le giornate sono così piene che non abbiamo il tempo di controllare le previsioni meteo per il giorno successivo. È capitato anche a voi di vedere fuori il sole, affidarvi al fatto che la giornata sembrasse serena, per poi ritrovarvi sotto un temporale e ricordarvi di non aver chiuso tutte le tapparelle di casa? In quella situazione avrete pensato a quanto sarebbe stato comodo ricevere di primo mattino una notifica sul cellulare, per avvertirvi che nel pomeriggio ci sarebbe stato un acquazzone (così da non dimenticare l’ombrello) e allo stesso tempo fare in modo che le tapparelle si chiudessero da sole in base alle previsioni meteo. Utilizzando il servizio IFTTT, in combinazione con alcune app e dispositivi connessi, tutto questo è possibile.

IFTTT: cos’è e a cosa serve?

Pensate che è IFTTT a permettere ai vostri amici più tecnologici di pubblicare uno stesso contenuto su diversi social network, di aggiungere rapidamente nuove canzoni alle playlist di Spotify, di ricevere previsioni meteo personalizzate da Weather Underground o un alert dalla World Health Organization in caso di emergenze sanitarie durante una vacanza.

 

Ci sono centinaia di applet (un particolare tipo di programma simile a un’app) per tutte le categorie: dal meteo, allo shopping, alla gestione dei profili social. Ma possiamo impostarlo anche per le “le regole che ci hanno insegnato quando eravamo bambini” già citate, tipo ricordare di bere un bicchiere d’acqua a metà mattina, oppure di concederci una pausa dopo una lunga riunione o durante una sessione di studio. 

 

Uno degli usi più interessanti del sistema IFTTT si ha con una casa connessa. Si può usare per creare routine personalizzate che consentano di coordinare tra loro più oggetti connettibili che siete voi stessi a impostare. Ritornando all’esempio che facevamo prima, potrete collegare la vostra app per la gestione delle tapparelle all’app del meteo, per essere sicuri che “se l’app meteo dice che fuori piove allora abbassa le tapparelle”.

IFTTT: cos’è e a cosa serve?

Ma le applicazioni sono tantissime: potete impostare IFTTT per fare in modo che, ad esempio, il robot per le pulizie Rumba parta in automatico ogni volta che uscite di casa, collegando la gestione di una presa connessa a un’app di geolocalizzazione; potete mettere in connessione il vostro server di posta elettronica con un’app collegata alle telecamere di sicurezza, per ricevere una mail ogni volta che viene rilevato un movimento.

 

Il vostro impianto smart, grazie al servizio IFTTT, può essere completamente connesso in base alle vostre abitudini ed esigenze e potrete cambiare le impostazioni ogni volta che vorrete. 

Lasciati ispirare. Scopri anche:

Living Now Smart
Living Now Smart
Per realizzare un impianto smart con Living Now with Netatmo è sufficiente far installare dei dispositivi appositamente concepiti per poter dialogare tra loro e connettersi, tramite il gateway, alla rete. Ogni impianto Smart può comunque essere sempre usato anche in modo tradizionale tramite i comandi.
Leggi di più